Giovane donna alla scrivania con calcolatrice

© stock.adobe.com/Kittiphan

  • Circa 70.000 richieste di credito per circa 50 miliardi di euro dal 23 marzo 2020
  • Per il 99% delle domande è già stata presa una decisione
  • Il 98,5% delle richieste di credito non supera i 3 milioni di euro
  • Nella fase di picco sono pervenute circa 2.000 domande al giorno, in gran parte accettate immediatamente
  • La digitalizzazione della procedura di richiesta e approvazione consente di elaborare rapidamente un elevato numero di domande di credito.

Dall'avvio dei programmi di sostegno della KfW per la crisi del Coronavirus il 23 marzo 2020, decine di migliaia di imprese hanno beneficiato dei prestiti concessi dallo stato federale per la lotta contro le conseguenze della pandemia. A fine giugno la KfW ha ricevuto circa 70.000 richieste di credito per un importo totale di circa 50 miliardi di euro. Per il 99% delle domande ricevute è già stata presa una decisione definitiva. I crediti già approvati ammontano a 33,5 miliardi di euro e le domande ancora in fase di esame riguardano solo crediti di importo molto elevato. È possibile accedere agli aiuti della KfW rivolgendosi a banche e casse di risparmio che fungono da tramite o mediante un consorzio bancario del quale fa parte la KfW. Per facilitare l’approvazione dei crediti, la KfW ha ricevuto una garanzia dallo stato federale e pertanto si assume dall’80 al 100% del rischio delle banche che inoltrano la richiesta.

Delle 70.000 domande di credito, il 98,5% ha un volume massimo di 3 milioni di euro e complessivamente ammonta a 19,5 miliardi di euro. Tali richieste, esaminate in anticipo dalle banche intermediarie, sono immediatamente accettate dalla KfW senza un’ulteriore valutazione dei rischi. In tal modo le aziende, in gran parte piccole e medie imprese, hanno potuto beneficiare in tempi brevi degli aiuti della KfW per la crisi del Coronavirus. Un'elevata percentuale del volume totale delle richieste di aiuto alla KfW è riconducibile a circa 350 richiedenti con domande per un volume superiore a 10 milioni di euro e ammonta complessivamente a 26 miliardi di euro.

Il ministro federale dell'economia Peter Altmaier: “Nel mese di marzo il governo federale ha creato un pacchetto di aiuti senza precedenti per l'economia tedesca. Dopo 100 giorni si constata che gli aiuti arrivano proprio dove servono, soprattutto nelle piccole e medie imprese. Con i nostri ampi pacchetti di aiuti e il piano di ripresa economica di 130 miliardi di euro, abbiamo l'opportunità di riportare l'economia sulla via della crescita nella seconda metà dell'anno. Dobbiamo continuare ad attuare tutti i nostri programmi con coerenza e tempestività. In tal modo riusciremo a superare la crisi rapidamente e ne usciremo rafforzati.”

Il ministro federale delle finanze Olaf Scholz: “Il programma di aiuti rapidi contro la crisi del Coronavirus del KfW per le imprese è una storia di successo. Il governo federale ha reagito in modo tempestivo ed efficace alle conseguenze della pandemia. Molte imprese hanno accettato con gratitudine questi aiuti finanziari per affrontare il momento difficile. L’obiettivo mio e dell'intero governo federale è tutelare la salute dei cittadini sostenendo al contempo le imprese e le attività imprenditoriali, in modo che tutti possano superare, possibilmente indenni, questo periodo di crisi.

Il presidente della KfW, Dott. Gunther Bräunig: "Gli aiuti della KfW contro il Coronavirus rappresentano uno sforzo senza precedenti da parte dello stato federale, della KfW e degli istituti di credito tedeschi. Dopo 100 giorni posso dire che l'aiuto arriva. Un chiaro orientamento politico, la collaborazione decennale con i nostri partner di finanziamento e gli investimenti nella digitalizzazione delle attività di sostegno sono gli elementi fondamentali della lotta contro la crisi del Coronavirus.

Finora la KfW ha registrato il picco di domande tra la fine di aprile e la metà di maggio. Solo in questo periodo sono state presentate oltre 30.000 domande alle banche tramite. Nella fase di picco, in aggiunta alla propria normale attività di finanziamento, la KfW riceveva oltre 2.000 domande al giorno, che sono state in gran parte immediatamente approvate. È stato possibile elaborare un numero così elevato di domande grazie alla digitalizzazione delle procedure di richiesta e di esecuzione realizzata alla fine del 2019 tra la KfW e le banche intermediarie.

La KfW pubblica il numero e il volume delle domande di credito ricevute suddivise per entità e per Stato federato all’indirizzo www.kfw.de/coronaantraege (in tedesco).