Negoziazione al tavolo in ufficio

© Fotolia.com/Robert Kneschke

Il governo federale ha deliberato oggi i punti salienti degli “Aiuti temporanei alle piccole e medie imprese che hanno dovuto interrompere interamente o in gran parte le proprie attività per effetto della crisi del Coronavirus.”

Il ministro federale Peter Altmaier ha dichiarato: „Con gli aiuti temporanei sosteniamo le aziende particolarmente colpite, soprattutto tra le piccole e medie imprese, e riaccendiamo così il motore dell’imprenditoria. Il programma è stato consapevolmente concepito per essere aperto a tutti i settori ed è rivolto alle attività che continuano ad essere colpite da chiusure o che non possono sfruttare appieno le proprie capacità per via delle regole igieniche e di distanziamento. Il sussidio del nuovo programma è molto più elevato rispetto agli aiuti d’urgenza: a seconda del mancato profitto, tra giugno e agosto è possibile ottenere un rimborso dei costi fissi di esercizio fino a 150.000 euro. Saremo però anche molto più precisi e verseremo il rimborso solamente se il mancato profitto e i costi fissi di esercizio sono stati confermati da un consulente fiscale o da un revisore contabile.”

Con l’approvazione dei punti salienti sugli aiuti temporanei si dà esecuzione ad una decisione del comitato di coalizione del 3 giugno. L’aiuto temporaneo è un programma di sussidi intersettoriale della durata di tre mesi (da giugno ad agosto 2020). Si garantiscono alle aziende sussidi a fondo perduto a copertura dei costi fissi di esercizio. Possono presentare domanda le aziende che possono comprovare una riduzione del fatturato di almeno il 60% tra i mesi di aprile e maggio 2020 e gli stessi mesi dell’anno precedente. A seconda della diminuzione del profitto, verranno rimborsati dal 40 all’80% dei costi fissi. La dotazione del programma è pari a 25 miliardi di euro. L’approvazione dei sussidi è di responsabilità degli stati federati.

I punti salienti sono disponibili qui (PDF, 300 KB) (in tedesco).