Bandiere dell'Unione Europea

© iStock/sinonimas

Il 4 maggio il ministro federale dell'Economia, Peter Altmaier, ha discusso con il ministro croato dell'Economia, dell'Imprenditoria e del Commercio, Darko Horvat, l'attuale impatto della pandemia COVID 19 sulle relazioni economiche bilaterali e sull'ulteriore formazione delle presidenze del Consiglio dell'UE croata e tedesca. Ha ringraziato la Presidenza croata dell'UE per la gestione delle crisi e per gli sforzi compiuti per mantenere la capacità di funzionamento dell'UE. Sarebbe importante lavorare insieme per rafforzare la coesione e la solidarietà degli Stati membri dell'UE.

Il ministro federale dell'Economia Altmaier: "Nelle nostre successive presidenze dell'UE, stiamo definendo chiare priorità per gestire con successo le conseguenze economiche e finanziarie della crisi. La Germania e la Croazia coordinano costantemente e strettamente i loro sforzi per portare avanti importanti dossier dell'UE. Occorre trarre insegnamenti dalla crisi, garantire e migliorare la competitività, la forza innovativa e la resilienza dell'economia europea in modo sostenibile e orientato al futuro.

La Croazia, in qualità di membro più giovane dell'UE, detiene la Presidenza del Consiglio per la prima volta dal gennaio 2020. Da allora, c'è stato uno stretto scambio con la Germania, che ha assunto la presidenza del Consiglio dell'UE a luglio. Uno stretto coordinamento tra i due Paesi è più importante che mai in considerazione dell'impatto della pandemia COVID 19 sulla pianificazione del programma della Presidenza. Il ministro federale dell'Economia Altmaier si è già recato in Croazia nell'ottobre 2019 e ha incontrato il ministro dell'Economia Horvat e altri colleghi, nonché il primo ministro Plenkovic.

La Germania è il partner più importante della Croazia nell'UE. Le relazioni tradizionalmente buone e strette tra i due Paesi si riflettono anche nei dati commerciali. Dall'adesione della Croazia all'UE nel 2013, la Germania e la Croazia hanno raddoppiato il loro commercio bilaterale: da 2,86 miliardi di euro nel 2013 a 5,52 miliardi di euro.