Contenitore

© istockphoto.com/hxdyl

Insieme agli assicuratori di crediti, il governo federale sta creando uno scudo protettivo di 30 miliardi di euro per garantire alle aziende tedesche i crediti dei fornitori e sostenere l'economia in tempi difficili. Le assicurazioni di crediti proteggono i fornitori da inadempienze di pagamento se un cliente in patria o all'estero non può o non vuole pagare la fattura.

Il ministro federale dell'economia Peter Altmaier: "Per molte imprese questa crisi è terribile perché non ricevono più ordinazioni. E se ci sono ancora ordini, non è sicuro che il cliente alla fine possa pagare. Per questo motivo mettiamo a disposizione uno scudo protettivo di 30 miliardi di euro per garantire che gli assicuratori di crediti continuino ad essere responsabili di eventuali inadempienze di pagamento e contribuiscano al mantenimento delle catene di fornitura in Germania e nel mondo".

Il ministro delle finanze Olaf Scholz: "Con lo scudo di protezione assicuriamo il flusso delle merci, garantendone cosÌ una circolazione snza intoppi, di cui in questo momento abbiamo urgente bisogno. L'ombrello di protezione è quindi un'altra importante componente del grosso pacchetto di aiuti del governo federale per stabilizzare ulteriormente l'economia. Con l'aiuto dell'ombrello di protezione, gli assicuratori di crediti possono mantenere gli impegni di copertura esistenti e assumerne di nuovi – nonostante i rischi di insolvenza siano notevolmente aumentati. Qui agiamo con lungimiranza, perché al momento molti clienti possono risolvere le loro difficoltà spesso senza il nostro aiuto.

Per il 2020 il governo federale assume una garanzia fino a 30 miliardi di euro per il pagamento di indennizzi da parte degli assicuratori di crediti. L'effetto stimolatore che lo accompagna garantirà un volume d'affari di circa 400 miliardi di euro. Gli assicuratori di crediti partecipano in modo sostanziale e lasciano al governo federale il 65% dei premi incassati nel 2020; inoltre, si fanno carico di perdite fino a un importo di 500 milioni di euro e si assumono i rischi di insolvenza che superano la garanzia del governo federale.