I contenitori colorati contro un cielo blu simboleggiano l'esportazione

© Fotolia.com/gui yong nia

In accordo con il Ministero Federale delle Finanze, il Ministero Federale dell'Economia e della Tecnologia ha deciso che con effetto immediato le operazioni di esportazione a breve termine (fino a 24 mesi) possono essere coperte anche all'interno dell'UE e in alcuni Paesi dell'OCSE da garanzie statali di credito all'esportazione. In particolare, ciò consentirà di assorbire eventuali difficoltà nel mercato di crediti all'esportazione.

Ciò è reso possibile da una decisione della Commissione Europea del 27 marzo 2020 che modifica le disposizioni delle cosiddette comunicazioni a breve termine. In questo modo si elimina temporaneamente l'elenco dei rischi commerciabili , ossia dei paesi per i quali normalmente non è consentita alcuna copertura mediante garanzie statali sui crediti d’esportazione. La Commissione ha così risposto in modo rapido e flessibile alle richieste di diversi Stati membri, tra cui la Germania. Ha dato agli Stati membri la possibilità di reagire prontamente e con decisione nel caso in cui gli assicuratori privati del credito dil esportazione si ritirino per reazione alla pandemia.

Oltre all'UE, i paesi beneficiari sono Australia, Canada, Islanda, Giappone, Nuova Zelanda, Norvegia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti. Le possibilità di copertura estesa sono inizialmente limitate fino al 31.12.2020.

I dettagli sulle possibilità della copertura estesa per gli affari a breve termine sono disponibili sulla homepage del mandatario statale (www.agaportal.de/exportkreditgarantien/praxis/marktfaehige-risiken [in tedesco]).

Il Ministero federale delle finanze ha già creato i presupposti di bilancio per il previsto aumento della domanda, ampliando notevolmente la copertura nel bilancio suppletivo.