Bandiera UE

© iStock.com/instamatics

Oggi il ministro federale dell'Economia Altmaier ha telefonato alla vicepresidente della Commissione esecutiva della Commissione europea, Margrethe Vestager. Il colloquio si è concentrato sulle ulteriori possibilità di concedere aiuti di Stato alle imprese colpite dalla crisi. La Commissione UE aveva aperto tali possibilità il 19 marzo 2020 con l'introduzione di un programma speciale temporaneo per sussdi statali.

Altmaier: "Nella crisi per coronavirus, le nostre aziende hanno bisogno di un aiuto rapido e non burocratico. Con la sua speciale disciplina, la Commissione UE ci ha dato più spazio per gli aiuti di Stato. Ci stiamo avvalendo di questo margine di manovra. Oggi ho ringraziato personalmente Margrethe Vestager per il fatto che i primi tre programmi di aiuto sono già stati approvati e ho parlato con lei degli ulteriori passi necessari per sostenere l'economia nell'attuale crisi.

Sulla base dello speciale programma temporaneo, la Commissione UE ha preso molto rapidamente decisioni positive su tre regolamenti a favore di aiuti di Stato presentati dalla Germania. Queste riguardano:

  • Sovvenzioni limitate in termini di importo (le cosiddette piccole sovvenzioni),
  • L’ampliamento dei programmi di prestito KfW e
  • L’ampliamento dei sistemi di garanzia.

Nell'ambito dei programmi di garanzia, è ora possibile garantire prestiti fino al 90%. Inoltre, il programma speciale KfW 2020, approvato dalla Commissione UE con procedura accelerata, offre un'indennità fino al 90% di responsabilità civile nel finanziamento del capitale circolante per piccole e medie imprese. Inoltre, tassi d'interesse notevolmente più bassi (tra l'1% e l'1,46% per le piccole e medie imprese, tra il 2% e il 2,1% per le grandi imprese) e una valutazione semplificata del rischio da parte di KfW per prestiti fino a 3 milioni di euro creano un notevole sollievo per l'economia.

Come ulteriore misura di sostegno, lunedì il gabinetto ha deciso di istituire un fondo di stabilizzazione economica per sostenere ulteriormente l'economia reale.