Ministro federale Altmaier

© picture alliance/Jörg Carstensen/dpa

Oggi il Bundestag ha approvato primi aiuti per piccole imprese, lavoratori individuali e liberi professionisti nonché un fondo di stabilizzazione dell’economia. Venerdì anche il Bundesrat approverà il pacchetto di aiuti. Questa settimana verrà approvato da Bundesrat e Bundestag anche il bilancio suppletivo, necessario per congedate i programmi. Con l’approvazione del bilancio suppletivo i Länder avranno a disposizione primi aiuti per piccole imprese.

Nel dettaglio il ministro dell’economia Peter Altmaier : “Oggi il Bundestag ha nuovamente dimostrato di essere in grado di approvare velocemente importanti leggi se ne vale veramente la pena. Si tratta ora di assicurare l’esistenza economica poprio di chi lavora da solo e delle piccole imprese e di fare di tutto affinché le nostre imprese riescano a superare la crisi. Si tratta ora di conservare la sostanza economica del nostro paese. Ora ci vogliono velocità e decisione.

Parallelamente alle consultazioni della procedura parlamentare il ministero federale dell‘economia lavora con forte pressione insieme ai Länder al completamento di un accordo sull’amministrazione per una veloce e poco burocratica distribuzione dei primi aiuti per piccole imprese tramite i Länder. I primi aiuti vengono distribuiti tramite i Länder, ad esempio attraverso le Landesförderbanken (ad es. in Bassa Sassonia tramite la Landesförderbank NBank della Bassa Sassonia.).

Punti centrali dei primi aiuti per piccole imprese:

Sussidi finanziari per piccole imprese valgono per tutti i settori dell’economia quali lavoratori individuali e appartenenti alla libere professioni fino a 10 occupati. Il volume del programma comprende fino a 50 miliardi di Euro. Nel dettaglio sono previsti: fino a 9.000 € di sussidi finanziari per piccole imprese validi per tutti i settori dell’economia, nonché lavoratori individuali e liberi professionisti con fino a 10 occupati. Il programma comprende fino a 50 miliardi di Euro. Nel dettaglio sono previsti:

  • Fino a 9.000 € una tantum per 3 mesi per imprese con fino a 5 occupati,
  • Fino a 15.000 € una tantum per 3 mesi con fino a 10 occupati.

Con i sussidi si vuole garantire l’esistenza finanziaria dei richiedenti giacché con questi essi possono pagare le spese di gestione, affitto e crediti per fondi di gestione, leasing ecc., I Pagamenti una tantum non devono essere restituiti. Trovate qui (in tedesco) (PDF, 192 KB) i punti interessanti per i primi aiuti destinati a piccole imprese.

Altri aiuti di liquidità per imprese

Oltre ai primi aiuti per piccole imprese sono a disposizione ampi programmi di credito per imprese.

Il nuovo programma KfW di credito 2020 è partito il 23.03.2020. Si possono presentare fin da adesso le domande. Numerose imprese ne hanno già approfittato. La KfW ha già ricevuto domande di credito per oltre tre miliardi di Euro (www.kfw.de/KfW-Konzern/Newsroom/Aktuelles/KfW-Corona-Hilfe-2.html [in tedesco]).

Il programma KfW 2020 è a disposizione sia di piccole e medie imprese che di grandi imprese. Le condizioni del credito sono state nuovamente migliorate. I tassi d’interesse più bassi e un più semplice controllo del rischio per la KfW per crediti fino a 3 milioni di Euro creano facilitazioni per l ’economia.

Con meno responsabilità da parte della KfW, fino al 90 per cento dei fondi di gestione e degli investimenti di piccole e medie imprese, secondo il diritto UE assumiamo l’assunzione del rischio permessa fino all’importo massimo. Ciò rende più facile anche alle casse di risparmio e alle banche assegnare un credito e per le imprese aumenta l’offerta di credito sul mercato.

Trovate qui (in tedesco) (PDF, 124 KB) un volantino. Altre informazioni e interlocutori trovate sulla homepage della KfW.: www.kfw.de/KfW-Konzern/Newsroom/Aktuelles/KfW-Corona-Hilfe-Unternehmen.html (in tedesco).

Oltre ai crediti è a disposizione anche lo strumento delle garanzia. Apposite banche concedono „garanzie veloci“ fino a una somma di 250.000 Euro autonomamente e entro tre giorni, senza partecipazione dei Länder. Trovate maggiori informazioni sulle homepage delle banche garanti.