Ministro dell’economia Peter Altmaier (a destra) e il ministro delle finanze Olaf Scholz (a sinistra) alla conferenza stampa.

Ministro dell’economia Peter Altmaier (a destra) e il ministro delle finanze Olaf Scholz (a sinistra) alla conferenza stampa.

© dpa

Il ministro delle finanze Scholz e il ministro dell’economia Altmaier hanno oggi presentato circa 50 miliardi di Euro di provvedimenti urgenti per piccole imprese, lavoratori indipendenti e liberi professionisti.

Scholz: „Facciamo di tutto per aiutare anche le piccolissime imprese e i lavoratori indipendenti. Devono avere tutto il nostro sostegno poiché questa crisi li ha colpiti profondamente. Per questo lo Stato dà loro un aiuto veloce e con poca burocrazia. Per me questo è importante: Diamo un sussidio, non parliamo di un credito. Nessuno deve restituire nulla. Così arriviamo a quelli che hanno urgente bisogno del nostro sostegno.”

Altmaier: „Non lasciamo solo nessuno. Non ci sarà nessun buco nella rete della solidarietà. Perciò confezioniamo un altro grosso pacco di quasi 50 miliardi di Euro per lavoratori indipendenti, piccolissime imprese anche con sussidi diretti che non devono essere restituiti.

Inoltre aiutiamo concretamente l’economia reale con il fondo di stabilizzazione dell‘economia e impediamo la svendita degli interessi dell’economia e dell’industria tedesca. Non ci devono però essere tabù. Devono essere possibili transitori e temporanei aiuti statali fino a partecipazioni e acquisizioni.“

Punti centrali degli aiuti d‘emergenza:

Aiuti finanziari (sussidi) per piccole imprese valgono per tutti i settori dell’economia come per i lavoratori indipendenti e i liberi professionisti con fino a 10 occupati. Il programma comprende 50 miliardi di Euro. Nel dettaglio si prevedono

  • Fino a 9.000 € una tantum per 3 mesi fino a 5 occupati
  • Fino a 15.000 € una tantum per 3 mesi fino a 10 occupati.