Bandiera UE

© iStock.com/instamatics

Il Consiglio dei ministri dell'economia europea tiene oggi una videoconferenza per discutere le misure necessarie per stabilizzare l'economia sullo sfondo della crisi del Corona. Sono particolarmente colpite le circa 25 milioni di piccole e medie imprese (PMI), che rappresentano oltre il 99 per cento di tutte le imprese dell'UE.

La settimana scorsa il ministro federale dell'economia Peter Altmaier, insieme al ministro delle finanze Olaf Scholz, ha presentato un pacchetto di misure del valore di miliardi di euro per combattere le conseguenze economiche del coronavirus. Il pacchetto si basa su quattro pilastri: La flessibilizzazione delle indennità di lavoro a orario ridotto, l'aiuto fiscale per le liquidità, uno scudo da un miliardo di euro per le imprese e le aziende e il rafforzamento dell’azione europea.

Il ministro federale dell'Economia Altmaier: "Ci troviamo in una situazione insolita e difficile. Le misure di primo soccorso a sostegno delle imprese e dei dipendenti sono già in corso di attuazione. Ora è importante agire in modo coordinato e deciso anche a livello europeo. A tal fine, con la partecipazione della Commissione europea, ho uno scambio di opinioni con i ministri responsabili della competitività negli Stati membri dell'UE".

Il governo federale è in scambio permanente con la Commissione europea e i governi degli Stati membri dell'UE per coordinare le misure. Un totale di 37 miliardi di euro saranno messi a disposizione attraverso la "Iniziativa di investimento per affrontare la crisi del coronavirus ", che la Commissione Europea ha presentato venerdì scorso. A ciò si aggiungerà un pacchetto di misure della Banca europea per gli investimenti, che mobiliterà finanziamenti fino a 40 miliardi di euro. Gli Stati membri dell'UE e la Commissione europea hanno anche annunciato che prenderanno tutte le misure necessarie per affrontare le attuali sfide e le conseguenze economiche del coronavirus.

Il Ministero Federale dell'Economia e della Tecnologia accoglie con favore queste iniziative ed è particolarmente impegnato a garantire la liquidità per le PMI e regole flessibili in materia di aiuti di Stato per facilitare la copertura della liquidità delle imprese.

La presidenza croata del Consiglio ha convocato la videoconferenza a breve termine dopo che la riunione informale dei ministri della competitività a Zagabria, prevista per il 19 e 20 marzo 2020, è stata rinviata a causa della pandemia da coronavirus.